La mia bici e il risotto fiorito con ortiche, patate di montagna e toma.

Mi è sempre piaciuto andare in bicicletta. Fin da piccola, quando un giorno mio papà decise che ero diventata troppo grande per le rotelle e anche per stare in piedi dietro di lui, in equilibrio sul portapacchi della vecchia Graziella bianca (il tutto senza casco, ovviamente: erano altri tempi). E proprio quel giorno, quando ho... Continue Reading →

Annunci

Un finale un po’ così … e una torta bianca e leggera: sarà tutta colpa del paradiso?!

Oggi "giornata no". La bolletta scaduta due giorni fa da pagare, le solite noiose incombenze da sbrigare, una grana burocratica (il genere peggiore) da risolvere, una corsa fino al negozio più vicino e trovarlo già chiuso (mannaggia, come ho fatto a dimenticare il caffè) … e poi, quando infine arriva il tempo per poter pensare... Continue Reading →

Sotto il cielo di Lignan: un Osservatorio Astronomico e le stelline di castagne e cacao.

Le stelle sono buchi nel cielo da cui filtra la luce dell'infinito. Confucio In Valle d'Aosta c'è un pugno di baite, abbarbicato lassù tra le montagne, dove il cielo è più buio e le stelle più brillanti che altrove. Puoi arrivarci partendo dal borgo di Nus, seguendo tornante dopo tornante la strada che si arrampica... Continue Reading →

A passeggio con la Regina: Castel Savoia a Gressoney-Saint-Jean.

La Passeggiata della Regina è un sentiero pianeggiante che dal paese di Gressoney Saint Jean, accanto al lago Gover, si inoltra nel fitto bosco di Cialvrino (Tschalvrino) per raggiungere un luogo che sembra appena uscito da una favola: Castel Savoia. E ogni castello, come vuole la tradizione, ha la sua regina … Se tendo l’orecchio,... Continue Reading →

Nella marmitta della strega: i (gli) gnocchetti alle ortiche con guanciale croccante.

Nelle campagne intorno alla Casetta del Merlo non c’è rudere di pietra, muro di confine o ricovero abbandonato che non sia circondato, in questa stagione, da rigogliosi cespugli di ortica! Gli antichi romani erano convinti che l’ortica fosse un potente afrodisiaco e non mancavano di annoverarla tra gli ingredienti dei più efficaci filtri d’amore, ma... Continue Reading →

Il Merlo Goloso e la “seuppa de s’eugnon” (la zuppa di pane e cipolle).

Cipollino era figlio di Cipollone e aveva sette fratelli: Cipolletto, Cipollotto, Cipolluccio e così di seguito, tutti nomi adatti ad una famiglia di cipolle. Gente per bene, bisogna dirlo subito, però piuttosto sfortunata. Cosa volete, quando si nasce cipolle, le lacrime sono di casa. Così cominciano Le avventure di Cipollino, la cui sfortuna è, per... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: