Con un cestino di susine (il clafoutis con mandorle e susine).

Prugne o susine? Rusticana, Regina Claudia in miniatura o Verdacchia?

Non saprei neppure dare un nome alle dolcissime e piccole susine che crescono sull’ alberello nell’orto della mia amica Nadia …

Clafoutis con prugne e mandorle.
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

ma posso assicurarti che quando, come l’altro giorno, me ne porta un cestino in regalo, il loro profumo zuccheroso si sparge invitante per tutta la casa!

Anche se la mia intenzione all’inizio era farne una golosa confettura, incurante del buon senso me le sono divorate quasi tutte in un pomeriggio e poco più (ti risparmio i dettagli)

e ora che me ne resta soltanto una ciotolina, unica superstite sul tavolo della cucina, mi è venuta voglia di usarle per creare qualcosa di più fantasioso.

Il dolce che ho scelto di preparare è uno dei più semplici e veloci del mio repertorio e la ricetta proviene da un libro di cucina tipica bretone, souvenir di un viaggio in Bretagna di un paio di anni fa:

Il clafoutis con mandorle e susine.

Ingredienti per 4 persone.

  • 125 grammi di farina 00
  • 50 grammi di burro
  • 2 uova
  • 25 cl di latte intero (oppure di panna fresca, per una consistenza più ricca)
  • 50 grammi di zucchero a velo
  • poco zucchero semolato
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai di farina di mandorle e una manciata di mandorle pelate. Le mandorle sono una mia giunta personale, nella ricetta originale non ci sono (del resto, se mi segui da un po’, ti sarai accorta che le metterei anche nelle polpette: le adoro!)
  • 1 cucchiaio di Brandy. Anche questa è una mia variazione.

Cuisine de Bretagne

Preparazione.

  1. Il primo passaggio è montare le uova con lo zucchero a velo, in una planetaria o con il frullino elettrico, finché non saranno chiarissime. Per incorporare bene l’aria, andrebbero montate per almeno una dozzina di minuti.
  2. Aggiungi la farina 00, la farina di mandorle e il pizzico di sale e continua a montare per almeno altri 5 minuti.
  3. Fai sciogliere lentamente nel latte tiepido il burro; non deve arrivare a bollore! Poi lascialo raffreddare e aggiungilo versandolo a filo nella pastella, mescolando sempre. A questo punto puoi aggiungere anche il brandy o un liquore di tuo gusto.
  4. Ricopri il fondo di una tortiera da forno imburrata e spolverata di zucchero con le susine lavate e tagliate a metà, lasciando la buccia verso di te. Se ti piacciono, aggiungi anche le mandorle, tagliate a spicchi per il lungo e leggermente abbrustolite in una padella antiaderente: daranno una nota croccante al tuo dolce.
  5. Infine puoi versare la pastella nella tortiera.

Il clafoutis deve cuocere nel forno preriscaldato a 180° C, in modalità statico, per circa 50 minuti. Ti accorgerai che è pronto quando la superficie sarà dorata e un inconfondibile profumino di buono avrà invaso la tua cucina!

Clafoutis con prugne e mandorle.
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

Questo semplice ma delizioso dolce si serve “ribaltato”, in modo che la base con le susine sia rivolta verso l’alto, e se poi è ancora tiepido … ti posso assicurare che nessuno potrà resistergli!

Clafoutis mandorle e prugne.
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

La merenda di oggi è già pronta, preparata con ingredienti semplici e genuini, quindi non ci resta che gustarcela in terrazza godendoci insieme queste ultime giornate di sole tiepido fuori stagione e

BON APPÉTIT !

Clafoutis con prugne e mandorle.
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

A presto, Elena

La Casetta del Merlo, Ottobre 2018

 

 

 

 

Annunci

14 risposte a "Con un cestino di susine (il clafoutis con mandorle e susine)."

Add yours

  1. Mi tenti…le mandorle ne faccio uso industriale pure io! Ho provato qualche anno fa quello all’ uva ma non mi era venuto un gran che, felicissimo we

    Mi piace

  2. Deve essere davvero squisita questa torta!!! Ma si possono usare anche altri tipi di susine? Sempre tipo goccia d’oro voglio dire, perchè nel supermercato vicino a casa mia, ci sono ancora le susine bionde.Se vanno bene, questa torta domenica sarà sulla mia tavola…gnam!!!

    Grazie per questi dolci consigli!! ❤

    Piace a 1 persona

    1. Ciao! Va bene qualsiasi frutto ti faccia gola, purché non sia troppo succoso; in questo periodo anche l’uva (meglio nera) è perfetta. Se non riesci a sfornarlo al momento, puoi prepararlo in anticipo e “abbronzare” la superficie con un cannello per crème brulée… buon appetito!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: