Il Merlo Goloso. Meine Schwarzwälder Kirschtorte (La mia torta Foresta Nera).

Non sono una fanatica del cioccolato: quella consistenza pastosa, il gusto un po’ stucchevole e poi, nella variante al latte, per me è decisamente troppo …

ma questa torta è talmente buona (forse perché le amarene stemperano il gusto del cioccolato rendendolo molto più accattivante) e dai colori così adatti al periodo pre-natalizio che mi sembra la ricetta ideale da proporti in questi giorni!

Come succede per tutte le delizie di pasticceria, sono in molti a contendersi il titolo di creatore della Torta Foresta Nera: una delle “paternità” più accreditate dagli abitanti del Land del Baden-Württemberg (sud-ovest della Germania) è quella di Josef Keller, che nel 1915 era proprietario del Café Agner di Bad Godesberg.

E’ dunque qui che, per la prima volta, un goloso pan di spagna al cioccolato viene tagliato a strati per essere farcito con soffice panna montata e gustose ciliegie, anche se la prima ricetta ufficiale compare in un ricettario degli anni ’30 e la sua popolarità (per cause di forza maggiore) inizia a crescere solo nel secondo dopoguerra.

In questo dolce si possono riconoscere anche altri legami con il territorio in cui è nato.

Wolfach Kirnbach Bollenhut Wegle
httpwww.schwarzwald-kinzigtal.info

I colori della torta sono gli stessi del costume femminile tradizionale: la gonna e il corpetto di velluto scuro ricordano il cioccolato, le maniche gonfie della camicetta riprendono il colore e l’aspetto della panna montata e i decorativi pon pon del copricapo sono rossi come le ciliegie (per le donne nubili). In tempi più antichi, questo costume veniva indossato in occasione delle nozze ed era usanza festeggiare gli sposi piantando alberelli di ciliegie; non è un caso che la principale coltura della zona fosse quella delle ciliegie e il Kirsch (un liquore ricavato dai frutti) uno dei prodotti locali più rinomati.

In questo momento io mi trovo nella mia cucina in Valle d’Aosta, non in Germania alla scoperta della  Foresta Nera tra montagne boscose, panorami mozzafiato e castelli da fiaba circondati da ciliegi fioriti, ma preparare e gustare questa torta deliziosa (assieme ad una buona dose di fantasia, che non guasta mai in nessun contesto) mi permetterà di sentirmi parte di quei magici luoghi senza uscire di casa: se vuoi seguirmi, l’effetto è assicurato!

INGREDIENTI.

Per la base:

  • 100 g di cioccolato fondente 70%
  • 4 uova fresche intere
  • 120 g di burro sciolto
  • 150 g di zucchero a velo
  • 30 g di fecola di patate
  • 30 g di farina 00
  • 30 g di cacao amaro
  • 16 g di lievito per dolci (1 bustina)
IMG_0593
© foto di Elena Palombo per La Casetta del Merlo

Per la farcitura:

  • 300 g di amarene sciroppate.

Questa è una variazione personale, in quanto la ricetta originale prevede l’utilizzo di ciliegie fresche che vanno fatte cuocere in poca acqua e 50 gr di zucchero per 15 minuti. Io preferisco le amarene perché hanno un gusto più amarognolo, che va a smorzare la dolcezza del cioccolato.

  • 1 bicchierino di Kirsch (oppure, se come me non riesci a trovarlo, il fondo di cottura delle ciliegie o il succo delle amarene sciroppate)
  • 500 ml di panna fresca da montare
  • 20-30 gr di cioccolato fondente 70% (o, se lo preferisci, cioccolato bianco) da trasformare in scaglie o riccioli per la decorazione della superficie del dolce.

PREPARAZIONE.

  1. In una ciotola capiente monta i 4 tuorli delle uova con 120 gr di zucchero a velo finchè non sono chiari e spumosi e poi aggiungi il burro ammorbidito (il burro deve essere quasi sciolto) e monta ancora.
  2. In un pentolino a bagnomaria fai fondere 100 gr di cioccolato fondente e poi versalo a filo nell’impasto, sempre mescolando delicatamente per non smontare le uova.
  3. Mescola il cacao, la farina, la fecola e il lievito e aggiungili alla crema, avendo cura di mescolare dal basso verso l’alto con una spatola morbida.
  4. Infine monta a neve gli albumi, che nel frattempo avrai conservato a temperatura ambiente, e aggiungili all’impasto amalgamando sempre con molta delicatezza per non smontare il composto.
  5. La stampo che io ho usato è una teglia rotonda apribile da 26 cm di diametro, che ho imburrato e infarinato prima di versarvi l’impasto. Ora puoi anche tu infornare il tuo pan di spagna al cioccolato, in forno statico già caldo a 170°C per circa 45 minuti; attenzione ai tempi perché l’impasto è scuro e quindi non è così immediato capire quando è cotto … io l’ho sorvegliato dalla mezz’ora di cottura in poi.
  6. Mentre la base della torta si raffredda fuori dal forno, puoi passare alla panna montata: per un risultato ottimale il contenitore (se possibile di metallo) e le fruste vanno tenuti in freezer almeno 20 minuti prima di montare la panna, anch’essa ben fredda. Con questo semplice accorgimento la panna sarà pronta in soli 5 minuti circa! Io dopo un minuto circa di frullino elettrico aggiungo anche tutti i 30 gr di zucchero a velo rimasto, ma a te consiglio di assaggiarla aggiungendolo un po’ alla volta, per essere certa di zuccherarla secondo il tuo gusto.

Ed ora ti resta solo da assemblare questa golosità!

IMG_0564 (2)
© foto di Elena Palombo per La Casetta del Merlo
  1. Il mio pan di spagna è alto a sufficienza per essere tagliato con facilità in due parti, ma devo dirti che io in questa fase sono un po’ maldestra … forse tu riuscirai a tagliarlo anche in tre, come vuole la ricetta originale! In alternativa puoi usare una teglia da 20 cm di diametro invece di 26 cm, purchè abbia i bordi alti almeno 8-10 cm.
  2. Sullo strato più basso versa in modo uniforme metà del Kirsch mescolato con lo sciroppo delle amarene (oppure lo sciroppo soltanto), distribuisci le amarene tenendone a parte 8 o 10 per la superficie della torta e copri tutto con la panna montata. Appoggia il secondo strato sopra la panna senza premere e distribuisci in superficie il Kirsch e lo sciroppo rimasto.

E infine ci siamo:  ricopri il tuo dolce con la panna che ti resta, compresi i lati, resisti alla tentazione di affondare un cucchiaio in questa delizia e finirla tutta subito, sistema le ciliegie (dovrebbe risultare una ciliegia per ciascuna fetta) e spolvera con una nevicata di riccioli di cioccolato.

A me viene l’acquolina anche solo a guardare questa foto (nonostante foto e torta non siano affatto belli quanto vorrei)

IMG_0572
© foto di Elena Palombo per La Casetta del Merlo

e spero che farà lo stesso effetto anche ai miei ospiti, quando preparerò nuovamente la mia Torta Foresta Nera per festeggiare il Natale insieme a loro nei prossimi giorni!

Grazie per avermi seguita fin qui e … BON APPÉTIT!

Elena, La Casetta del Merlo Dicembre 2017

Annunci

2 risposte a "Il Merlo Goloso. Meine Schwarzwälder Kirschtorte (La mia torta Foresta Nera)."

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: