Il Merlo Goloso. Riso e lamponi in un angolo di Paradiso.

VETAN è un granello all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso, annidato tra i pascoli sopra Saint Pierre a 1700 mt slm, ai piedi della Punta Leissé.

Punto panoramico ben noto agli appassionati di montagna (da qui si ha uno splendido panorama su Becca di Nona, Mont Emilius, Pointe de la Pierre, Grivola e ghiacciaio del Rutor), offre anche a chi è semplicemente in cerca di un nido di pace lontano dalle località turistiche più famose e affollate una meta perfetta.

Un pugno di baite e una chiesetta bianca, con le finestre vestite di gerani in estate e il tetto di lose scure che diventa morbido e candido in inverno, sono gli elementi che compongono questo borgo, che sembra costruito apposta per fare da fondale alla favola Il gallo e la volpe di La Fontaine.

Io sono arrivata qui per la prima volta molto tempo fa, un pomeriggio di settembre in cui si era partiti a caccia di un’alba di luna sulla Grivola, e in quell’occasione abbiamo scoperto il Ristorante Vetan (http://www.lovevetan.com/VETAN/RISTORANTE_VETAN.html), un rustico locale che non posso fare a meno di consigliarti

e poi, dopo una passeggiata nei dintorni con aria frizzante e vista imperdibile, un buon piatto di montagna è più che meritato!

In particolare ti consiglio di prendere il sentiero n°13. Lungo il tracciato che porta fino al rifugio Mont Fallère (aperto da da fine maggio a fine settembre) si mimetizzano circa 200 sculture in legno, opera di artisti locali, che rappresentano animali e persone di questi luoghi: certi li vedi subito, alcuni sono in agguato sopra un tronco, altri colti da necessità impellenti … a te scoprirli tutti!

Tornando a quella sera, al ristorante Vetan abbiamo cenato con una bontà che in seguito ho cercato di ricreare anche a casa, nella mia cucina, e che ora ti propongo:

IL RISOTTO FUNGHI E LAMPONI DI VETAN.

IMG_6741 (4)
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

INGREDIENTI  per 4 persone

  • 400 gr di Riso Carnaroli (circa 3/4 di un bicchiere da acqua a persona)
  • 3 – 4 funghi porcini: in settembre nella mia zona è possibile trovare dei buonissimi porcini freschi, provenienti dalla bassa Valle d’Aosta o dal Piemonte. In altri periodi puoi ripiegare sui funghi secchi o surgelati (anche se seguendo la stagionalità si hanno sempre risultati migliori) oppure scegliere altre varietà.
  • 25 – 30 lamponi
  • 1 cipolla rossa
  • 1 spicchio d’aglio
  • verdure per il brodo: 2 carote, 1 gamba di sedano, 1/2 patata. uno spicchio di cipolla e poco prezzemolo
  • 3 noci di burro
  • 2 cucchiai di Grana Padano
  • olio extravergine d’oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco e secco
  • prezzemolo
  • sale e pepe

PREPARAZIONE

  1. In un litro e mezzo di acqua metti a bollire le verdure con un pizzico di sale. La cottura dovrebbe essere piuttosto prolungata: questo permette di ottenere un brodo con un sapore delicato e saporito al tempo stesso.
  2. Mentre il brodo sobbolle puoi preparare i funghi, dopo averli puliti e tagliati a spicchi o dadini: cotti semplicemente in un pentolino con una noce di burro fuso, lo spicchio d’aglio in camicia e schiacciato e il prezzemolo, saranno buonissimi dopo circa 15 minuti.
  3. In un tegame antiaderente prepara il soffritto: fai scaldare 2 cucchiai abbondanti di olio e una noce di burro, poi aggiungi la cipolla tritata a piccoli dadini (la quantità a tuo gusto)
IMG_6828
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

4. Quando la cipolla inizia a soffriggere versa il riso con un pizzico di sale e mescola bene con un cucchiaio di legno, fino a quando la superficie dei chicchi diventa traslucida; ora puoi versare il vino e farlo sfumare, come dicono gli chefs (o farlo svaporare, come diciamo qui a casa).

5. Asciugato il vino, aggiungi il brodo di verdure, un mestolo alla volta: quando il primo mestolo di brodo è stato assorbito versa il secondo e così via, avendo cura che il riso sia sempre coperto da uno strato sottile di brodo. Attenzione alla cottura del riso: in genere sono necessari circa 15 minuti, ma ti consiglio di assaggiarlo di frequente già dal 12° minuto in poi, perchè basta un attimo di distrazione e questo infingardo ricco di amido si tramuta in un agglomerato colloso ben poco appetitoso (soprattutto se ci sono degli amici interessanti con i quali stai chiacchierando mentre cucini!). Puoi spegnere il fuoco quando l’interno del chicco è appena più duro rispetto all’esterno.

6. A fuoco spento, mescola delicatamente il riso amalgamandolo con l’ultima noce di burro, il Grana Padano grattugiato, i funghi e un paio di lamponi; infine lascialo riposare per un minuto.

7. A me piace aggiungere i lamponi rimasti, insieme al prezzemolo tritato al momento, direttamente nei piatti per far si che mantengano tutta la freschezza.

Una spruzzata di pepe, ancora poco Grana Padano e il mio risotto è pronto: sono soddisfatta, è molto simile a quello che avevo gustato guardando la luna sulla Grivola!

IMG_6741 (5)
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

Spero che vorrai ripetere questo esperimento anche nella tua cucina, in una di queste sere di fine settembre, accogliendo questo piatto così come è entrato nella mia e …

BON APPÉTIT!

Elena, La Casetta del Merlo settembre 2017

Annunci

2 risposte a "Il Merlo Goloso. Riso e lamponi in un angolo di Paradiso."

Add yours

  1. Ciao Elena! questo lo devo fare! Credo che i miei uomini impazzirebbero di gioia! Porto con me la ricetta in Austria quest’estate, mattina in cerca di porcini freschissimi e alla sera risotto speciale! Grazie per questa ricetta golosissima!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: