Il Merlo al Lavoro. Come cucire una trapunta patchwork in 8 passi: 3. Progetto e tessuti.

Il punto di partenza per realizzare un nuovo lavoro è IL PROGETTO.

Per progetto intendo mettere nero su bianco l’idea che ho in mente, disegnando su un foglio di carta (bianca o millimetrata) ciò che voglio creare nel modo più preciso possibile.

Scan0001 (5)
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

Questo passaggio, molto creativo e divertente, è necessario per vedere se l’idea che hai avuto “funziona”.

In sostanza:

  •  se ti piace il disegno della tua prossima creazione
  •  conosci in anticipo le tecniche che dovrai utilizzare e la quantità di tessuti necessaria
  •  sai il tempo che ti ci vorrà

avrai buone possibilità di avere la soddisfazione di portare a termine il lavoro.

Al contrario, lanciarti in un progetto indefinito pensando di improvvisare di volta in volta come proseguire, ti porterebbe inevitabilmente ad arenarti… creando al massimo quello che le quilters americane chiamano UF.O. (abbreviazione di unfinished object, cioè un lavoro non portato a termine).

A volte invece succede di partire dai TESSUTI.

Un’appassionata di cucito creativo ha sempre un cesto ( o un cassetto, un armadio, le più fortunate una stanza degli hobbies) in cui conserva tutti quei ritagli di stoffe avanzati da precedenti progetti oppure acquistati d’impulso in negozi e mercatini e poi riposti con cura.

E allora capita che un giorno quei tessuti ti tornino fra le mani, magari con la scusa di mettere in ordine, e ti sembrano così carini che sarebbe proprio un peccato non studiare un bel progetto ad hoc per utilizzarli!

Tradizionalmente i tessuti usati nel patchwork sono delle stoffe in cotone 100% prodotte negli Stati Uniti, leggere, morbide al tatto e non trasparenti. In origine, le prime quilters usavano tessuti riciclati da vecchi abiti, biancheria per la casa usurata o tela di sacchi usati per contenere le granaglie.

Oggi molti produttori propongono bellissime collezioni di tessuti già coordinati fra loro, create da stilisti specializzati.

cindycottage2
Collezione di tessuti in vendita nel negozio on line www.cindycottage.com

I vantaggi di scegliere queste stoffe sono:

  1. avere dei tagli simili tra loro, con lo stesso peso (cioè con lo stesso numero di fili per cm quadrato e uguale grossezza del filato ), che si possono accostare e cucire insieme con facilità
  2. si tagliano facilmente e non si sfilacciano troppo
  3. una scelta infinita: i tessuti in cotone oggi sono molto diffusi, perché la materia prima è facilmente reperibile e con le tecnologie attuali si possono produrre, tingere e stampare mediante procedure veloci e non costose.

Di conseguenza è molto facile trovare tessuti in cotone con fantasie e colori di ogni genere e realmente per tutti i gusti: tinta unita, tinti in filo, vichy, operati, piquet, sfumati, marmorizzati, stampati con innumerevoli motivi e disegni…

Un tessuto che io amo molto è il BATIK, che viene creato utilizzando la tintura a cera per creare effetti e fantasie davvero splendidi.

IMG_6170
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

Nella trapunta in foto, uno dei primi lavori che ho realizzato, ho abbinato dei tessuti batik a delle cotonine per patchwork che giacevano nella mia cesta dei ritagli, ottenendo degli effetti cromatici che mi piacciono molto.

Tuttora, nonostante le imprecisioni dovute alla poca esperienza, è una delle mie creazioni preferite in assoluto!

Nulla vieta, ovviamente, di sperimentare con tessuti di materiali diversi dal cotone: lino, seta, organza, tessuti velati, lana o feltro.

Io, per il trapuntino che ho scelto per il lavoro che voglio illustrarti, userò le classiche cotonine americane.

La mia idea è riprodurre i colori delle Isole Eolie (vedi nella pagina Il Merlo al Lavoro Come cucire una trapunta patchwork in 8 passi: 1. In cerca di un’idea.), quindi i colori dei tessuti che ho selezionato sono il blu del mare, il grigio del fumo e delle rocce di origine vulcanica, il nero delle spiagge e il bianco delle case.

IMG_6171 (3)
© Elena Palombo per La Casetta del Merlo

La scelta dei tessuti in base ai colori e il loro accostamento è dettata dal gusto personale, ma in caso di dubbi ci sono degli schemi da poter seguire.

In questa fase può essere utile, anche se non indispensabile, una “ruota dei colori”.

In una COMBINAZIONE DI COLORI possiamo trovare:

  1. Colori simili: diverse gradazioni e sfumature di uno stesso colore, con fantasie diverse
  2. Colori vicini: tre colori che si trovano nella stessa zona della ruota dei colori (per esempio vermiglione, ocra e giallo)
  3. Colori vicini più un complementare: tre colori nella stessa zona più uno in contrasto (per esempio abbinando il blu ai tre colori dell’esempio precedente)
  4. Colori complementari: opposti sulla ruota dei colori (per esempio il rosso e il verde)
  5. Colori a triangolo: tre colori equidistanti sulla ruota dei colori (per esempio viola, verde e arancio).

I colori neutri si possono usare a piacimento da soli o per mettere in risalto tutti gli altri, stanno sempre bene. Io nel mio progetto ho scelto di usare molti colori neutri come nero, bianco, grigio, panna ed écru, accostandoli al blu.

Nulla vieta, comunque, di mescolare insieme tutti i colori, come negli scrap quilts realizzati interamente con avanzi di tessuti: il progetto è tuo e deve piacere prima di tutto a te, quindi segui la tua ispirazione e divertiti!

Nel prossimo articolo ti parlerò di come tagliare e cucire i blocchi di un quilt. A presto!

 Elena, La casetta del Merlo Luglio 2017

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: